PRIMO INCONTRO

La prima visita ha una durata di 1 ora circa, durante la quale effettuo un'anamnesi completa, fisiologica ed alimentare della persona, al fine di valutarne i reali fabbisogni nutrizionali ed elaborare un piano alimentare personalizzato.

INCONTRI SUCCESSIVI

Negli incontri successivi viene aggiornata la Cartella personale e si  individuano eventuali punti da migliorare o modificare, nel caso i risultati non siano conformi alle attese o per esigenze specifiche manifestate dal paziente.

MANTENIMENTO

Alla fine del percorso, potrò fornire delle indicazioni di massima sull'alimentazione da seguire senza sentirsi perennemente a dieta, per aiutare il paziente nella gestione del peso e non solo, da usare come guida nel lungo termine.

Il metodo

Quando un paziente entra per la prima volta nel mio studio, inizio il mio lavoro di studio attento della fisionomia, dell’andatura, della costituzione, dei comportamenti che mi permetteranno di aiutarlo al meglio.

ANAMNESI FISIOLOGICA Ogni paziente ha una sua cartella in cui annoto i dati e le informazioni salienti raccolte nel colloquio che verte sulle sue abitudini alimentari e voluttuarie (fumo, alcool), sviluppo staturale ed intellettivo, attività lavorativa, attività sportiva, esposizione lavorativa o inconsapevole a contaminanti ambientali, qualità e quantità del sonno, alvo,  diuresi, allergie, e, se donna anche sull’assetto ormonale con domande riguardanti il ciclo mestruale, eventuali parti, aborti o menopausa.

RACCOLTA DEI DATI ANAMNESTICI PATOLOGICI PROSSIMI E REMOTI Mi interessa conoscere l’obiettivo che il paziente si propone di raggiungere o i sintomi che pensa di poter risolvere, eventuali patologie pregresse e terapie farmacologiche, nutrizionali o integrative che abbia seguito.

ANAMNESI FAMILIARE Importante è anche la predisposizione familiare ad alcune più comuni patologie.

Se sono stati effettuati analisi cliniche o esami diagnostici, valuto se necessario aggiungere degli esami specifici per completare l’inquadramento del paziente, dopodiché inizia la VALUTAZIONE DELLO STATO NUTRIZIONALE E DEL BIOTIPO COSTITUZIONALE attraverso la misurazione di peso, altezza, circonferenze corporee (polso, braccio, vita, fianchi, radice coscia) ed eventualmente pliche.

Effettuo poi l’esame BIOIMPEDENZIOMETRICO. Lo strumento che utilizzo è una BIA EFG della AKERN (http://www.akern.com/47-home-services-2/114-research.html), l’unico strumento validato, certificato e con solide basi scientifiche per la valutazione della COMPOSIZIONE CORPOREA. L’esame dura meno di 5 minuti ed alla paziente è consigliato di indossare delle calze corte piuttosto che dei collant e di non applicare sulla cute del dorso della mano e del piede crema o olio nel giorno dell’esame. E’ sconsigliato effettuare attività fisica subito prima dell’esame.

La mia Mission è diffondere il "verbo" di un corretto stile di vita, basato sulla prevenzione primaria delle più comuni malattie, passando per una alimentazione equilibrata ed una costante attività fisica.


Cosa ci consente di seguire una dieta

Alimentazione 95%
Motivazione 80%
Obiettivo 80%
Terapie 50%
Allenamento 75%
Fantasia in cucina 65%
Condivisione 40%

Il percorso

Nei controlli successivi chiedo innanzitutto al paziente le sue impressioni in merito al piano nutrizionale proposto, quali benefici ha riscontrato, se ha avuto problemi di qualsiasi tipo ed in generale come sta e come si sente. Vengono rivalutati il peso, le circonferenze e le pliche e ripetuto l’esame bioimpedenziometrico.

Nel consigliare il percorso nutrizionale più adeguato, mi baso sulle problematiche esposte da ciascuno, sui risultati ottenuti in merito alla composizione corporea ed alla costituzione, oltre che sulle abitudini di vita e lavoro del paziente, cercando di adattare il piano nutrizionale quanto più possibile alle sue esigenze, in termini di orari, di organizzazione familiare e lavorativa.

Fornisco supporto in tutte le fasi del percorso, preferibilmente tramite e-mail oppure telefonicamente nei casi più urgenti ed in orari preventivamente concordati.

Il mantenimento

Anche dopo aver terminato il percorso, resto sempre a disposizione del paziente via e-mail per rispondere ai dubbi o alle esigenze di salute.

Nel caso in cui il paziente si sia rivolto a me per una patologia accertata e risolvibile con l’alimentazione, il percorso nutrizionale che prevede dei controlli iniziali più serrati, sarà considerato concluso solo quando sarà presente il miglioramento o la remissione dei sintomi oppure quando si raggiungerà un miglioramento dei parametri clinico-laboratoristici o strumentali, ove possibile.

Nel caso in cui il paziente si sia rivolto a me per il dimagrimento, raggiunto un buon obiettivo (che per me non significa peso forma!), di solito il mio consiglio è di allentare un pò la presa con i controlli, fornendo indicazioni sull’alimentazione da seguire in diversi contesti o occasioni. Pianificheremo insieme se continuare a vederci un paio di volte all’anno per rivalutare il peso e la composizione corporea o se il paziente preferirà richiamarmi in futuro nel caso ne avesse bisogno.

In generale, con i pazienti più preoccupati ed attenti alle proprie condizioni di salute e/o di forma fisica, il rapporto raramente finisce per sempre, instaurandosi anche nel lungo periodo un saldo rapporto via mail, che non può che rendermi felice ed orgogliosa di loro e di quanto abbiano dato importanza alla propria salute.